mercoledì, settembre 21, 2005

Lacrime napoletane

Poco meno di mezz’ora: tanto è durata la fase violenta del temporale che ha messo Napoli in ginocchio. Paralizzati ospedali, tangenziale e molti quartieri. Il bilancio è drammatico: strade dissestate, fogne saltate e voragini che si aprono sotto le auto. Per fortuna solo pochi feriti lievi, ma il terrore ha attraversato molti quartieri della città. In molte zone è saltata anche l’energia elettrica.

è bastata la prima pioggia autunnale per paralizzare il traffico a Napoli, alcune importanti arterie che collegano il centro alla zona collinare - e sarebbe pure inutile fare l'elenco - sono state letteralmente inondate e chi vive Napoli sa benissimo cosa succede in queste situazioni: voragini che si aprono, la fogna non regge e in città c'è l'apocalisse. Ormai il Napoletano ci ha fatto l'abitudine, ma non la Jervolino che, infatti, si ostina a dire che non è successo nulla e, a chi chiede di rimuovere il respondabile dell'ufficio fogne del Comune e censurare l'operato dell'assessore competente, risponde seccatamente.

Sulla stessa linea il vicesindaco, nonchè assessore all'urbanistica, Rocco Papa che, però, soprassiede sui ritardi dei lavori in molti dei cantieri della città.
Si vocifera che i lavori di via Salvator Rosa - importante strada che collega il centro con i quartieri collinari - siano da rifare....anche stavolta bisognerà pagare doppio e i responsabili la faranno franca

5 commenti:

freedomland ha detto...

mi sono perso per esami in sti giorni..

domani prometto che scrivo un post per segnalare quest'iniziativa che anche noi in friuli volevamo riproporre su illy.

Grandissima idea! da copiare in ogni regione governata(male) dalla sinistra.

ciao,simone

captainoconnell ha detto...

Caro collega, sinistra è sinonimo di malgoverno.
Abbiamo appena iniziato e speriamo che qualcuno ci ascolti

captainoconnell ha detto...

Iervolino bocciata da un sondaggio, De Mita la "salva"

Un sondaggio la boccia come peggior sindaco: una dura batosta per il sindaco Rosa Russo Iervolino che però ieri a Pontecagnano ha incassato parole di stima da De Mita alla Festa della Margherita: «è il miglior candidato per Napoli».


CHE BELLEZZA!

Monsoreau ha detto...

De Mita salva la Iervolino ?
Mi sa tanto di "bacio della morte" ... ;-)

captainoconnell ha detto...

è tipico del rituale mafioso. Del resto anche i nipotini di Lauro ieri hanno omaggiato il boss così...